terrazzasulmediterraneo
Eventi In Evidenza

Inaugurazione: la terrazza Alhambra

terrazzasulmediterraneo2Ieri sera – mercoledì 13 giugno, alle ore 21 – è stata inaugurata a Mazara del Vallo la terrazza Alhambra, quello spazio di grande suggestione che si affaccia sul lungomare con alle spalle l’Arco normanno e accanto la villa comunale. Uno splendido e appartato slargo che è stato gremito da un pubblico attento e partecipe. L’Istituto Euroarabo con il patrocinio dell’Amministrazione civica, in collaborazione con gli Amici della musica e l’Associazione Strada del vino e dei sapori, ha organizzato una magnifica serata che ha aperto la rassegna estiva degli appuntamenti culturali. Su questa terrazza saranno presentati in un fitto calendario tra luglio e agosto libri che riguardano la città e le questioni del nostro tempo, si discuterà con gli autori, si leggeranno alcune pagine, saranno proiettate immagini fotografiche e ci sarà spazio per momenti musicali.

 

Alla presenza dell’assessore Anna Monteleone, in rappresentanza dell’Amministrazione, ieri sera Leila Hannachi, dell’Università Kore di Enna, ha intrattenuto il pubblico con una brillante conversazione sul Ramadan, spiegandone contenuti, significati e funzioni religiose e culturali. «Abbiamo bisogno di conoscenza – ha detto – per capire questo mondo che ci è vicino ma non riusciamo pienamente a vedere, a percepire, anche perché scorciatoie ideologiche, approssimazioni retoriche, superficialità e semplificazioni tendono a rappresentarci questo mondo complesso e frastagliato secondo schemi pregiudiziali e stereotipi convenzionali. Abbiamo bisogno di conoscere l’Altro che è vicino di casa, a Mazara da più di 50 anni, e a volte ignoriamo seppure nel rispetto e nella tolleranza reciproca».

 

rubinoDopo un approfondito dibattito in cui sono intervenuti parecchi dei presenti, sono state proiettate le immagini che Roberto Rubino – fotografo mazarese esperto ed attento, promotore di un interessante Festival mediterraneo di fotografia – ha selezionato su momenti di vita comunitaria, rituale e quotidiana degli immigrati in città. A chiusura della serata si sono esibiti i giovanissimi adolescenti tunisini del laboratorio di break dance della Scuola guidata dal maestro Amir Boubaker, un ballo trascinante e acrobatico che ha emozionato il vasto pubblico. La serata si è conclusa con la degustazione di gelati offerti dalla rinomata gelateria Diadema, sita in Piazza Regina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *